Standard F.C.I.

Traduzione: Dr. Antonio Morsiani, Dr. J.M.Paschoud, Prof. R.Triquet
Origine: Italia
Utilizzazione: Cane da guardia, da difesa, da polizia, da pista.
Classificazione F.C.I.: Gruppo 2: Cani di tipo Pinscher e Schnauzer Molossoidi e Cani Bovari Svizzeri
Selezione 2: Molossoidi

Brevi cenni storici
E' discendente diretto dell'antico molosso romano. Diffuso un tempo in tutta Italia, più recentemente si è conservato prevalentemente in Puglia e nelle regioni limitrofe dell'Italia meridionale.
Il suo nome deriva dal latino "cohors", che significa protettore, guardiano delle fattorie.

Aspetto generale
Cane medio-grande, rustico, fortemente costruito ma elegante, asciutto, con muscoli potenti e tuttavia lunghi.

Proporzioni importanti (schema proporzioni)
La lunghezza della testa raggiunge il 36% dell'altezza al garrese.Il cane è alquanto più lungo che alto.

Comportamento e carattere
Guardiano della proprietà e del bestiame, molto agile e reattivo, in passato veniva utilizzato per immobilizzare i bovini e per la caccia alla grossa selvaggina.

Regione cranica
Cranio: largo, agli zigomi la sua larghezza è pari o superiore alla sua lunghezza.
Convesso anteriormente, diventa piuttosto piatto dietro la fronte fino all'occipite.
Solco medio-frontale visibile. Stop: marcato.

Regione Facciale

  • Tartufo: Nero e voluminoso, con narici ampie e aperte, è sulla stessa linea della canna nasale.
  • Coda: Inserita piuttosto alta, molto grossa alla radice, viene amputata alla quarta vertebra. In azione di rialza, però mai a candela. Muso: notevolmente più corto del cranio (rapporto muso-cranio: 1:2), fortissimo, con faccia anteriore rigorosamente quadrata e piatta e facce laterali parallele, tanto largo quanto lungo. Profilo della canna nasale rettilineo. 
  • Labbra: Le labbra superiori moderatamente pendenti coprono la mandibola, cosicchè il profilo inferiore del muso è dato dalle labbra.
  • Mascelle/denti: Mascelle molto larghe, spesse e piuttosto ricurve. Dentatura lievemente prognata. Chiusura a tenaglia accettabile ma non ricercata.  
  • Occhi: Di media grandezza, ovaleggianti, posti in avanti e leggermente affioranti. Palpebre aderenti.
  • Colore dell'iride il più scuro possibile a seconda del colore del mantello. Sguardo intelligente e vigile. 
  • Orecchi: Triangolari, pendenti, con attacco largo, posti molto al di sopra dell'arcata zigomatica. Quasi sempre vengono amputati corti e forma di triangolo equilatero. Collo: forte, piuttosto asciutto, muscoloso, lungo quanto la testa.
  • Corpo: Il tronco è alquanto più lungo dell'altezza al garrese, fortemente costruito ma non tozzo.
  • Garrese: Evidente e supera il livello della groppa. 
  • Dorso: Rettilineo, molto muscoloso e teso. Lombo: corto e solido. Groppa: lunga e larga, lievemente inclinata.
  • Torace: Bel sviluppato nelle tre dimensioni e disceso al gomito. 
  • Coda: Inserita piuttosto alta, molto grossa alla radice, viene amputata alla quarta vertebra. In azione di rialza, però mai a candela.

Arti Anteriori (schema angolature)

  • Braccio: Potente.
  • Avambraccio: Diritto e molto forte.
  • Carpo e metacarpo: Asciutti ed elastici. 
  • Piede: Piede di gatto.

Arti Posteriori

  • Coscia: Lunga, larga e convessa posteriormente.
  • Gamba: Asciutta e forte.
  • Garretto: Moderatamente angolato.
  • Metatarso: Spesso e asciutto.
  • Piedi: Un po' meno compatti degli anteriori.

Pelle: Alquanto spessa e piuttosto aderente agli strati sottostanti.

Mantello

  • Pelo: Corto ma non raso, a tessitura vitrea, lucido, brillante, aderente, molto folto con un lieve strato di sottopelo.
  • Colore: Nero, grigio piombo, ardesia, grigio chiaro, fulvo chiaro, fulvo cervo, fulvo scuro, tigrato (tigrature su fondo fulvo o grigio di varie gradazioni).

Nei soggetti fulvi e tigrati è presente una maschera nera o grigia la cui estensione è limitata al muso e non deve superare la linea degli occhi. Ammessa una piccola chiazza bianca al petto, alla punta dei piedi e alla canna nasale

Taglia & Peso

  • Altezza al garrese: Nei maschi da cm. 64 a cm .68 . - Nelle femmine da cm. 60 a cm. 64 con tolleranza di cm. 2 in più o in meno.
  • Peso: Maschi da 45 a 50 Kg. - Femmine da 40 a 45 Kg

Difetti
Ogni deviazione dalle caratteristiche indicate nella descrizione delle varie regioni costituisce un difetto, che deve essere penalizzato nel giudizio in rapporto alla sua gravità e alla sua diffusione.

Difetti Gravi

  • Parallelismo evidente degli assi cranio - facciali, convergenza molto marcata, facce laterali del muso convergenti.
  • Chiusura a forbice, prognatismo accentuato e deturpante.
  • Tartufo: Depigmentazione parziale.
  • Coda: Portata a candela o a anello.
  • Andatura: Ambio continuato.

Difetti da Squalifica
Divergenza degli assi cranio- facciali.
Enognatismo.Canna nasale decisamente concava o montonina.

  • Tartufo: Ddepigmentazione totale.
  • Occhi: Depigmentazione moderata e bilaterale delle palpebre, gazzuolo, strabismo bilaterale.
  • Coda: Anurismo, brachiurismo, sia congeniti che artificiali.
  • Pelo: Semi-lungo, raso, frangiato.
  • Colori: Colori non previsti dallo standard, macchie bianche troppo estese.

Nota: i I maschi devono avere due testicoli di aspetto normale e ben discesi nello scroto.

Allevamento  I Corsi di Regina Teodolinda   –   Via Trento, 5   –   27034 Lomello (PV) – P.IVA 02399220181 powered-bckgr